venerdì 26 giugno 2015

RECENSIONE "Le anatre di Holden sanno dove andare"

Ciao amici ed amiche,
oggi vi recensirò l'ennesimo libro che mi è stato regalato per il compleanno.

TITOLO:Le anatre di Holden sanno dove andare

AUTORE:Emilia Garuti

GENERE:Young Adult

CASA EDITRICE:Giunti

PREZZO DI COPERTINA: 12 euro

TRAMA: Una allergia diffusa verso l'ipocrisia degli adulti,a partire da quegli immaturi dei suoi genitori,l'orrore pure per gli happy end e le soluzioni preconfezionate e,soprattutto,una voglia matta di dare del filo da torcere a "Denti l'Orèal",la psicologa col muso da lucertola che mamma e papà pagano profumatamente per mettere un freno ai suoi colpi di testa.Questa è Will,per la precisione Willelmina,l'eroina irriverente e sognatrice di questo libro,che,come un lupo ferito,ha decisamente smarrito il branco.Nell'arco di un settembre nero che chiude l'ultima estate da liceale,mentre i suoi coetanei si fanno elettrizzare dalle mille luce della vita universitaria,Will si aggira senza meta come un'aliena su un pianeta sconosciuto.Unico scudo:l'ironia.E la musica,certo.E improvvisamente Matteo,il ragazzo strano e "poco collaborativo" della sala d'attesa,che la rincorre per mezza città nel tentativo di riportarla indietro.Che cosa vuol dire davvero essere giovani?E quanto costa l'autenticità?A chi si è fermato e non sa dove andare,a chi si sente fuori sincrono,fragile,confuso e sbagliato.A chi è giovane adesso e a chi non lo è più,ma ha buona memoria.Tutti,almeno in una fase della vita,abbiamo potuto dire:io sono Will.

                                                  MIE CONSIDERAZIONI
In qualunque libreria nella quale ho messo  piede ultimamente hanno cercato di rifilarmi questo libro con la promessa che"sarebbe diventato il mio libro preferito".Ovviamente ho sempre rifiutato di comprarlo,perchè,lo ammetto,avevo grandi pregiudizi riguardo il fatto che l'autrice avesse diciotto anni..avrò una mentalità bigotta ma credo che "l'esperienze facciano un buon autore" e non riuscivo ad immaginare quale storia straordinaria avesse da raccontare una mia quasi coetanea.Ma intanto la mia curiosità verso questo libro cresceva e quindi,quando mi è stato regalato al compleanno ho colto l'occasione e l'ho letto tutto d'un fiato.Mi ha delusa molto...non che mi aspettassi granchè,perchè come ho detto non avevo grandi aspettative,ma di certo mi immaginavo qualcosa di un po' più originale,diverso.La storia parla di Will,questa ragazza che cerca di riprendere la sua vita,dopo aver tentato il suicidio.Durante il suo "cammino" tiene questo diario nel quale ci espone le sue considerazioni riguardo molte cose:l'amicizia,l'amore,l'università.Mentre leggevo mi sembrava di leggere frasi che avrebbe saputo comporre benissimo qualsiasi adolescente,pensieri che avrei potuto trovare nell'ennesimo blog di Tumblr.I riferimenti ai risvoltini o alle mode che in generale vengono criticate mi ha dato veramente fastidio.Okay,che è uno Young Adult,ma non esageriamo...non serve a nulla cadere nelle solite banalità.Nonostante lo stile di scrittura sia leggero e scorra molto veloce l'ho trovato terribilmente insipido,simile a molti altri young adult di basso livello.Durante la lettura mi sembrava di trovare parti di libri già letti,insomma cose viste e riviste.Inutile dire che ho trovato insopportabile la protagonista.Per quasi tutto l'arco del libro mi veniva da urlarle contro...non fa altro che lamentarsi delle cose che non funzionano nella sua vita,come se fosse la sola ad avere dei problemi,che sinceramente,messi in confronto a VERI problemi non sono assolutamente niente.Ha più di diciotto anni ma non riesce a prendersi delle responsabilità,non fa altro che prendersela con la madre (povera donna,mi faceva una pena!).Soltanto alla fine del libro si rende conto di dover migliore il suo carattere indovinate grazie a chi?UN RAGAZZO!Che novità XD L'ennesimo ragazzo che fa star bene la protagonista,la salva,e tutte quelle cose lì che ormai conosciamo tutti quanti.Che poi,una volta finito il libro non riuscivo a capire il motivo che l'avesse spinta a provare di suicidarsi...i genitori che litigano o le amiche false secondo me non sono assolutamente buone ragioni per mettere fine alla propria vita.Il tentato suicidio è sicuramente la cosa intorno alla quale ruota l'intero libro,il motivo per il quale lei deve andare da una psichiatra,ma secondo me manca proprio una spiegazione.Come se ci fosse un "buco" nel libro,come se un pezzo di trama fosse scomparso.Per tutto il corso della storia ero convinta che mancasse qualcosa,e pensavo che in un qualche modo la trama sarebbe migliorata.Sulla storia d'amore tra Matteo e Will non mi soffermo più di tanto,perchè non c'è un granchè da dire.I due si incontrano e come ogni altro young adult che si rispetti,iniziano la loro storia d'amore,la solita storia d'amore.Il finale mi è piaciuto abbastanza,cioè,sicuramente non me lo aspettavo...ma non mi ha spinto a rivalutare il libro,probabilmente è stato un tentativo per aggiungere un qualcosa di più emozionante alla storia.Non mi sento di consigliarvi questo libro perchè una volta finito non mi ha lasciata nulla,mi ha lasciata indifferente.

GIUDIZIO:Bah!

                                                                                                                                    MissDafne


martedì 23 giugno 2015

EPIC READS BOOK TAG

Ciao amici ed amiche,
oggi vi propongo un tag che ho deciso di fare perchè sono stata taggata dalla mia amica blogger Stefania di La biblioteca di Eika.La ringrazio di nuovo per aver pensato a me e al mio blog**

1#Se potessi invitare un autore o un personaggio di un libro per un the chi inviteresti e cosa offriresti loro?

Senza ombra di dubbio come autore sceglierei Markus Zusak,perchè i suoi due libri:"Io sono il messaggero" e "Storia di una ladra di libri" rientrano tra i miei preferiti e come personaggio sceglierei Tobias aka Quattro della saga di Divergent,perchè oltre ad essere incredibilmente sexy è uno dei personaggi che preferisco in assoluto...probabilmente perchè lo trovo molto simile a me.

2#Di quale libro ti piacerebbe che l'autore scrivesse un prequel?
Mi piacerebbe sicuramente leggere un prequel del libro "L'ospite" scritto da Stephenie Meyer.L'ospite è uno dei miei libri preferiti e mi incuriosirebbe moltissimo sapere come era prima il mondo descritto meticolosamente dall'autrice.
Probabilmente nel prequel l'autrice potrebbe raccontare il passato di Melanie...Sarebbe semplicemente fantastico**

3#Quali personaggi provenienti da libri diversi vedresti bene insieme?

 Personalmente vedrei bene insieme Rose della serie "L'accademia dei vampiri" e Finnick della serie "Hunger Games".Entrambi hanno un carattere molto particolare:esternamente sembrano due personaggi molto forti e sicuri di sè ma nel profondo rivelano di essere deboli e sensibili.E poi...sono entrambi terribilmente attraenti XD


4#Se incontrassi il tuo autore preferito in metropolitana cosa gli diresti?
Ho diversi autori preferiti,per cui sarebbe difficilissimo sceglierne uno.Qualunque autore fosse gli direi che amo le cose che scrive e lo farei impazzire cominciando a sclerare per i suoi libri.

5#Qual è il libro che ti ha fatto diventare il lettore che sei oggi?
Oramai lo saprete fino alla nausea ma Hunger Games di Suzanne Collins mi ha cambiato la vita.E' stato il libro che mi ha fatto venire la passione per la lettura,da quando l'ho letto non ho fatto altro che cercare un libro in grado di rimpiazzarlo,o almeno che mi regalasse le stesse emozioni che ho provato leggendo Hunger Games,ma non ci sono ancora riuscita:/

6#La tua libreria ha preso fuoco ma puoi salvare un solo libro,quale sarebbe?
Sarebbe impossibile salvarne uno solo,ma se dovessi farlo credo proprio che sceglierei (oltre ad Hunger Games),"Il tuo meraviglioso silenzio" di Katja Millay...un libro che ho letto svariate volte e che è sempre capace di mettermi di buon umore.

7#In quale mondo distopico ti piacerebbe vivere?
Possibilmente in nessuno XD Però dovendo scegliere credo proprio che mi piacerebbe vivere nel mondo di Divergent ideato da Veronica Roth e probabilmente mi vedrei bene tra gli Eruditi.

8#Qual è la lettura più epica che tu abbia mai fatto?
Non saprei,non capendo bene cosa si intenda con "epica".Di libri belli ne ho letti tanti ma diciamo che non è arrivato ancora"quel libro" al quale avrei dovuto pensare appena letta questa domanda.


Invito chiunque ne abbia voglia a fare questo tag e in particolare nomino: Francesca di Never say book,Siannalyn di The road to hell is paved with book,Anto di Un cielo di pensieri, Muriomu di Cafè littèraire da Muriomu  

                                                                                                                                       MissDafne









sabato 20 giugno 2015

RECENSIONE "Chelsea & James"

Salve miei cari amici lettori,
oggi vi recensirò un libro che mi è stato mandato direttamente dall'autore stesso.Prima di ringraziare Giuseppe Cozzo per aver avuto la possibilità di recensire il suo libro,ci tengo a fare una premessa.La collaborazione con questo ragazzo l'ho effettuata tempo fa...ora come ora non accetto di recensire libri su richiesta.

TITOLO:Chelsea & James

AUTORE: Giuseppe Cozzo

GENERE:Romanzo

LINK PER ACQUISTARLO:Amazon

TRAMA: Nel tentativo di perseguire il proprio personale senso di giustizia,due ragazzi cercano di fuggire da un ingombrante passato,che li condiziona fortemente.La moralità,immancabilmente relativa,viene messa in discussione,mentre un viaggio li porterà via dalla zone in cui hanno imparato a soffrire.Scopriranno che allontanarsi da un luogo è possibile,ma prendere le distante dalle proprie vite è un obiettivo che può essere raggiunto solo conoscendo sacrifici forse insopportabili.


                                        MIE CONSIDERAZIONI
Ho letto questo libro poco tempo fa,ma ora come ora mi risulta abbastanza difficile riuscire a spiegarvi cosa ne penso,poichè ho un giudizio abbastanza contrastante a riguardo.Ma il bello delle recensioni è questo: anche se non trovi le parole,appena cominci a scrivere non riesci a fermarti.Questo libro racconta la storia di James,un ragazzo del quale sappiamo poco e nulla,deciso a fuggire dalla sua vecchia vita per concedersi qualcosa di diverso,qualcosa che potrebbe renderlo sereno.Durante il suo "cammino verso la felicità"incontra Elidh,una ragazza che lui sceglie di chiamare Chelsea,la quale,come il nostro protagonista,è intenta a fuggire...in particolare modo dal padre che sembra renderle la vita un inferno.Per cui James e Chelsea si troveranno ad affrontare insieme questo viaggio tormentato alla ricerca di qualcosa che potrebbe completarli.A mano a mano che la storia prosegue il loro rapporto si evolverà fino a che,si renderanno conto,che la presenza dell'altro è di vitale importanza per la propria sopravvivenza."Mi hai scucito qualcosa che non mi sarei mai aspettata di rivelare".Per sopravvivere i due personaggi commettono molti omicidi,uccidendo le persone che considerano degli ostacoli e devo dire che mi ha veramente sorpresa la freddezza e l'indifferenza con la quale mettevano fine a vite umane per raggiungere i loro scopi...come se la vita gli avesse costretti a trasformarsi in  spietati assassini.Cozzo ha descritto il reale,forse calcando un po' la mano.Riguardo alla storia d'amore devo dire che mi è piaciuta,ma l'ho trovata un po' irreale.Okay,l'amore a prima vista ci sta,ma il fatto che Chelsea scegliesse di scappare con uno sconosciuto e si innamorasse persino di lui,non conoscendolo per niente,mi ha fatta un po' storcere il naso.Se il nostro autore si fosse concentrato un po' di più su loro due e avesse dedicato qualche pagina in più alla loro storia d'amore, di certo il libro avrebbe guadagnato qualche punto in più...però nonostante tutto arrivata ad un certo punto della storia,anche se ti rendi conto che,ovviamente,quello che fanno è sbagliato,non riesci a non tifare per loro,per il loro disperato amore."Ho continuato a confidarmi perchè mi faceva stare sempre meglio.Tu mi facevi stare meglio.Come se,facendoti assorbire il mio dolore,io riuscissi almeno in parte a liberarmene"Lo stile di scrittura di Giuseppe Cozzo è assolutamente indiscutibile...nonostante sia un ragazzo molto giovane,e nonostante questo sia il suo esordio,è già riuscito ad acquisire un proprio stile che definirei persino riconoscibile.Tant'è che mi sono segnata molte frasi che mi hanno impressionata"I fiori possono essere difficili da identificare e comprendere,quando sei cresciuto in mezzo ai coltelli".Questo,senza dubbio,mi spinge a desiderare di leggere un altro suo libro,che spero esca a breve.Mi sarebbe piaciuto sapere qualcosa in più di James,la sua storia,conoscere uno sprazzo del suo passato...invece,James,e i protagonisti in generale sono stati un po' lasciati nell'ombra.Penso che questa scelta dell'autore sia sicuramente molto azzeccata...questo velo di mistero si sposi bene con tutto il contesto,e poi,non so voi,ma io amo i libri un po' enigmatici,quei libri ai quali non smetti di pensare,uno volta averli finiti,proprio perchè molte delle tue domande sono rimaste senza risposta.Il finale mi ha lasciata spiazzata,non perchè non me l'aspettassi (arrivata ad un certo punto della storia ti rendi conto che l'unica scelta che potrebbero compiere i protagonisti sarebbe la scelta più sbagliata ed immorale),ma per come è stata resa candida,dolce*stavo quasi per commuovermi*
Mi sento di consigliarvi questo libro,nonostante ci siano aspetti che non mi abbiano convinta del tutto.E' un libro capace di prenderti, che sicuramente non ti fa annoiare.


GIUDIZIO:Carino

Ci tengo a ringraziare di nuovo l'autore per avermi dato la possibilità di leggere il suo libro.

                                                                                            MissDafne


martedì 16 giugno 2015

REAZIONE ALL'ULTIMA PUNTATA DEL TRONO DI SPADE #Sclerotime

Buon pomeriggio amici ed amiche,
oggi vi esporrò le mie considerazioni su l'ultima puntata della quinta stagione del Trono di spade,che è stata trasmessa ieri sera su Sky Atlantic in contemporanea con gli Stati Uniti.Questa recensione sarà piena di SPOILER,per cui,se non avete ancora guardato la puntata vi consiglio di chiudere IMMEDIATAMENTE il post.Fatemi sapere se questo tipo di post vi piace (potrei recensire tante serie tv...siccome sono una mia passione).
Mi aspettavo una puntata mozzafiato e beh,così è stato.Passiamo in rassegna i personaggi:

#Daenerys Targaryen 


É stata la prima volta in tutto l'arco della stagione che,ho visto la Khaleesi seriamente in difficoltà.É apparsa per tutto il tempo come una donna incapace di provare paura,ma finalmente siamo riusciti a vederla come é veramente:una ragazza con un potere ingestibile tra le mani.Mi aspettavo che sarebbe arrivato qualcuno a salvarla oppure a rapirla...sinceramente non so come interpretare l'arrivo dei "nomadi".Quindi non mi resta che dire:Forza Dany!facci vedere chi sei,per una volta!

#Arya Stark

Devo dire che Arya mi ha piacevolmente sorpresa!Mi mancava il personaggio combattivo e cazzuto che tanto amo.Pensavo che il Dio dei mille Volti l'avesse cambiata,invece quando ha ucciso l'uomo,(il primo della sua lista di persone da eliminare),ho capito che,oggettivamente,é uno dei personaggi più forti della serie.Non ho capito cosa sia successo alla fine,perché fosse diventata cieca...spero sia una cosa temporanea.Il caro Martin dovrà darci molte spiegazioni.



#Stannis Baratheon 
Dire che ho esultato alla sua morte è dire poco:ho praticamente gioito come una scellerata,soprattutto perchè a farlo fuori è stata Brienne**
Se lo è meritato,diciamocelo.Stannis non è mai stato un personaggio che mi ha entusiasmato,anzi,nella quarta stagione lo trovavo praticamente inutile.E' stato quando ha ucciso la figlia (che scena toccante) che mi sono resa conto di quanto fosse scemo e di quanto costituisse una minaccia per i sette regni.Ci mancava solo uno come Stannis sul trono di spade.Quindiii...CIAO CIAO!

#Sansa e Theon (aka Reek)
THEON E' TORNATO!Ho sempre sospettato che Theon sarebbe ritornato di nuovo "normale" ma mi aspettavo che uccidesse Ramsay Bolton,invece,mi ha sorpresa facendo fuori la sadica(e alquando stranuccia) Myranda,un personaggio mooolto più inutile del malefico Bolton Junior.Per cui,good Theon,good! Sansa sta cominciando a cacciare fuori un po' di coraggio,e beh,diciamocelo sinceramente...ERA ORA! Spero vivamente che la caduta sulla neve li abbia salvati,perchè devo assolutamente scoprire come sarà questo nuovo Reek e come si evolverà il suo rapporto con Sansa.

#Cersei Lannister
Nonostante Cersei sia una stronza immane,devo riconoscere che vedere la scena nella quale veniva umiliata davanti a tutto il popolo,è stato abbastanza difficile.Non riuscivo a guardare,come se percepissi qualcosa di anomalo,sbagliato...forse perchè lei è stata sempre quella  che infliggeva,non quella che subiva.Quindi questa scena mi ha toccata particolarmente e mi ha fatto sperare che Cersei si vendichi e uccida tutti quei "finti religiosi"

#Myrcella e Jamie Lannister
Finalmente padre e figlia si riuniscono a si scambiano parole dolci...che scena memorabile,se non fosse per il COLPO DI SCENA!
Direi di esserci rimasta uno schifo,non perchè mi importi qualcosa di Myrcella (è un personaggio abbastanza inutile),ma perchè non mi aspettavo assolutamente una cosa del genere.Jamie sta incominciando a farmi pena...non riesco ad immaginare la reazione di Cersei quando verrà a scoprire che le è morta la sua unica figlia,quella figlia che Jamie doveva proteggere e riportare a casa.

#Jon Snow
Non riesco ad esprimermi.Non ho ancora superato l'apparente morte del mio personaggio preferito.Ieri,appena è finita la puntata sono scoppiata in lacrime e ho cominciando a maledire Martin:"Proprio lui dovevi far fuori?SADICOOO!" Spero con tutto il cuore che Jon in un qualche modo "resusciti".Melisandre non sarà tornata alla barriera per niente no?Deve riportarlo in vita.Ho sempre pensato che Jon sarebbe stato un personaggio che avrebbe fatto strada...ora non possono eliminarlo così!

Fatemi sapere cosa pensate di questa ultima puntata!Voglio leggere  tutte le vostre considerazioni a riguardo.DEVO SFOGARMI E PARLARNE CON QUALCUNO!(Sono ancora sotto shock).

                                                                                                                                 MissDafne

martedì 9 giugno 2015

TV SERIE CHARACTERS BOOK TAG

Buon pomeriggio amici ed amiche,
oggi,dopo molto tempo sono felice di riproporvi di nuovo un book tag.Ho scelto questo tag in particolare,perchè,come sapete,amo alla follia le serie tv.

1#Dr. House:un personaggio che ti ha colpito per la sua personalità particolare.


TITOLO:Raccontami di un giorno perfetto

AUTORE:Jennifer Niven

GENERE:Young Adult

CASA EDITRICE:Dea

RECENSIONE: QUI

Theodore Finch,assolutamente.E' uno dei personaggio più caratterizzati e complessi che io abbia mai trovato in un libro.E' particolare,è diverso,da tutti gli altri personaggi che ho trovato negli Young Adult (che poi alla fine si assomigliano un po' tutti).



2#Once Upon a time(Regina): un personaggio cattivo a cui non hai potuto fare a meno di affezionarti durante la lettura.


TITOLO:Città di vetro

SERIE:Shadowhunters

AUTORE:Cassandra Clare

GENERE:Urban Fantasy

CASA EDITRICE: Mondadori

Sebastian/Jonathan Morrgestern Può sembrare abbastanza banale come scelta,ma appena ho letto questa domanda ho pensato immediatamente a lui.Io l'ho adorato,e tutt'ora lo adoro..è sicuramente uno dei cattivi meglio riusciti che siano stati descritti in libri per ragazzi.



3#Streghe(Prue Piper e Phoebe): Un libro dove personaggi magici si battono contro il male.




TITOLO:Poison Princess

AUTORE:Kresley Coke

GENERE: Fantasy

CASA EDITRICE:Leggereditore

Non mi andava di scegliere Harry Potter,perchè sarebbe stata una scelta troppo prevedibile,per cui ho scelto questo libro,molto carino,che purtroppo è poco conosciuto e non ha avuto il successo che meriterebbe.




4#American Horror Story (Tate e Violet):Un libro con una storia d'amore complicata.


TITOLO:Il tuo meraviglioso silenzio

AUTORE:Katja Millay

GENERE: New Adult

CASA EDITRICE:Mondadori

RECENSIONE: QUI

Non potevo non scegliere la dolcissima ma travagliata storia d'amore tra Josh e Nastya.Entrambi hanno paura ad innamorarsi perchè hanno perso tanto e hanno paura di perdere ancora.




5#Teen Wolf (Scott): Un personaggio simpatico in grado di trovare il lato divertente in ogni situazione.


TITOLO:Noi siamo infinito

AUTORE:Stephen Chbosky

GENERE:Young Adult

CASA EDITRICE:Sperling&Kupter

Patrick.E' l'amico che tutti vorrebbero,il burlone del gruppo che sa farti ridere semplicemente con la sua presenza...nonostante ciò però,ha una personalità molto fragile,che tende a nascondere dietro sorrisi e battute.







6#New Girl (Jess):Un personaggio che con la sua semplicità ti fa sentire a casa.


TITOLO:Hunger Games

SERIE:Hunger Games

AUTORE:Suzanne Collins

GENERE:Distopico

CASA EDITRICE:Mondadori

Peeta Mellark.Peeta è il primo personaggio a cui penso se mi viene detta la parola casa.Essendo Hunger Games il libro che mi ha fatto venire la passione per la lettura,Peeta è sicuramente uno dei personaggi ai quali sono più affezionata.Per lui ho pianto,riso e si, di lui,mi sono anche innamorata.



7#How I met your mother( tutti i personaggi):Personaggi che vorresti come amici.


TITOLO:Il labirinto

SERIE:Maze Runner

AUTORE:James Dashner (<3)

GENERE:Distopico

CASA EDITRICE:Fanucci editore

Thomas,Newt e Minho sono personaggi che indiscutibilmente vorrei come amici.Nonostante non siano molto affabili,li trovo coraggiosissimi e veramente molto leali...e queste di solito sono le qualità che cerco negli amici.




8#Pretty Little Liars (qualunque personaggio):Un personaggio che ha troppi segreti nascosti.



TITOLO:The Program

SERIE:The program

AUTORE:Suzanne Young

GENERE:Distopico

CASA EDITRICE: Deagostini

Realm è sicuramente un personaggio con molti segreti nascosti.Ho finito il libro oggi,e non sono riuscita a comprendere Michael Realm pienamente...non sono neanche sicura che mi piaccia,ma sono certa che avrei apprezzato sapere qualcosa di più sul suo conto.Troppo enigmatico!



Il tag è concluso.Spero che vi sia piaciuto...se avete voglia mi farebbe piacere se lo faceste,altrimenti se lo avete già fatto linkatemelo nei commenti.Sono curiosissima di conoscere le vostre risposte.

                                                                                                       MissDafne













sabato 6 giugno 2015

I MIEI REGALI DI COMPLEANNO. #PT 1

Buona sera amici ed amiche,
questo post sarà dedicato ai regali che ho ricevuto il 30 Maggio,il giorno del mio compleanno.In questa prima parte vi farò vedere soltanto i libri.

Ci sarebbe anche un altro libro,ma non ho potuto fotografarlo perchè al momento non ce l'ho in casa.
(Scusate la bassa qualità della foto)







1#
TITOLO:Un albero cresce a Brooklyn

AUTORE:Betty Smith

GENERE: Romanzo

CASA EDITRICE:Biblioteca neri pozza

PREZZO DI COPERTINA: 14 euro

TRAMA: È l’estate del 1912 a Brooklyn. I raggi obliqui del sole illuminano il cortile della casa dove abita Francie Nolan, riscaldano la vecchia palizzata consunta e le chiome dell’albero che, come grandi ombrelli verdi, riparano la dimora dei Nolan. Alcuni a Brooklyn lo chiamano l’Albero del Paradiso perché è l’unica pianta che germogli sul cemento e cresca rigoglioso nei quartieri popolari. Quando nuovi stranieri poveri arrivano a Brooklyn e, in un cortile di vecchie e tranquille case di pietra rossa, i materassi di piume fanno la loro comparsa sui davanzali delle finestre, si può essere certi che lì, dal cemento, sbucherà prima o poi un Albero del Paradiso.Francie, seduta sulla scala antincendio, lo guarda contenta, poiché oggi è sabato, ed è un bel giorno a Brooklyn. Il sabato gli uomini ricevono la paga e possono andare a bere e azzuffarsi in santa pace. Il sabato lei, bambina irlandese di undici anni, come tutti i bambini del suo quartiere, fa un salto dallo straccivendolo. Insieme a suo fratello Neeley, Francie raccoglie pezzi di stagnola che si trovano nei pacchetti di sigarette e nelle gomme da masticare, stracci, carta, pezzi di metallo e li vende in cambio di qualche cent.Coi suoi coetanei con i calzoni lunghi e i berretti con la visiera, le mani in tasca, le spalle curve, i capelli così corti da lasciare scoperto il cuoio capelluto, Francie se ne andrà tra un po’ a zonzo per Brooklyn. Attraverserà prima Manhattan Avenue, e poi Johnson Avenue, dove si sono stabiliti gli italiani, e infine il quartiere ebraico fino a Broadway, dove guarderà eccitata i piccoli carretti che riempiono la strada, gli uomini barbuti con gli zucchetti di alpaca, i vestiti orientali dai colori vivaci posti ad asciugare sulle scale antincendio e i bambini seminudi che giocano in mezzo ai rigagnoli.
Poi tornerà a casa, dove forse troverà sua madre, rientrata dal lavoro. Lungo il tragitto forse qualcuno le ricorderà che è un peccato che una donna così graziosa come sua madre, ventinove anni, capelli neri e occhi scuri, debba lavare i pavimenti per mantenere lei e gli altri piccoli Nolan. Qualcun altro magari le parlerà di Johnny, suo padre, il ragazzo più bello e più attaccato alla bottiglia del vicinato, qualcuno infine le sussurrerà mezze parole sull’allegro comportamento di sua zia Sissy con gli uomini.Francie ascolterà e ogni parola sarà per lei una pugnalata al cuore, ma troverà, come sempre, la forza per reagire, poiché lei è una bambina destinata a diventare una donna sensibile e vera, forte come l’albero che, stretto fra il cemento di Brooklyn, alza rami sempre più alti al cielo.

2#
TITOLO:Percy Jackson e il marchio di Atena

SERIE: Percy Jackson e gli Eroi dell'Olimpo

AUTORE: Rick Riordan

GENERE:Fantasy

CASA EDITRICE: Mondadori

PREZZO DI COPERTINA: 13 euro

TRAMA: Percy Jackson si è risvegliato alla Casa del Lupo, nel Campo dei semidei romani, senza alcun ricordo a parte il nome di Annabeth. Proprio mentre sta andando a salvarlo, la ragazza scopre che tra greci e romani sta per scatenarsi la guerra e, a bordo della nave volante Argo II, cerca di raggiungere il Campo Giove insieme a Jason e Piper. Certo il natante, che ospita a bordo un enorme drago di bronzo, non ha un'aria amichevole: i romani capiranno che la loro è una missione di pace? E la pace, quanto durerà? Atena, infatti, ha affidato ad Annabeth, sua figlia, un terribile compito: "Segui il marchio di Atena. Vendicami." Per impedire la catastrofe e placare l'ira della dea, il gruppo di eroi dovrà intraprendere un viaggio per terra e per mare alla volta della splendida e feroce Roma

3#
TITOLO:Le anatre di Holden sanno dove andare

AUTORE: Emilia Garuti

GENERE:Romanzo

CASA EDITRICE: Giunti

PREZZO DI COPERTINA: 12 euro

TRAMA:Una allergia diffusa verso l'ipocrisia degli adulti, a partire da quegli immaturi dei suoi genitori, l'orrore puro per gli happy end e le soluzioni preconfezionate e, soprattutto, una voglia matta di dare del filo da torcere a "Denti L'Oréal", la psicologa col muso da lucertola che mamma e papà pagano profumatamente per mettere un freno ai suoi colpi di testa. Questa è Will, per la precisione Willelmina, l'eroina irriverente e sognatrice di questo libro, che, come un lupo ferito, ha decisamente smarrito il branco. Nell'arco di un settembre nero che chiude l'ultima estate da liceale, mentre i suoi coetanei si fanno elettrizzare dalle mille luci della vita universitaria, Will si aggira senza meta come un'aliena su un pianeta sconosciuto. Unico scudo: l'ironia. E la musica, certo. E improvvisamente Matteo, il ragazzo strano e "poco collaborativo" della sala d'attesa, che la rincorre per mezza città nel tentativo di riportarla indietro. Che cosa vuol dire davvero essere giovani? E quanto costa l'autenticità? A chi si è fermato e non sa dove andare, a chi si sente fuori sincrono, fragile, confuso e sbagliato. A chi è giovane adesso e a chi non lo è più, ma ha buona memoria. Tutti, almeno in una fase della vita, abbiamo potuto dire: io sono Will. "Le anatre di Holden sanno dove andare" è un piccolo classico sulla paura di crescere.

4#
TITOLO:Bunker Diary 

AUTORE: Kevin Brooks

GENERE:Thriller

CASA EDITRICE: Piemme 

PREZZO DI COPERTINA: 15 euro

TRAMA:Linus, sedici anni, insieme a quattro adulti e una ragazzina di nove, si trova intrappolato in un bunker, uno spazio claustrofobico da cui nessuno può fuggire. Sono stati rapiti da qualcuno che si è presentato loro ogni volta in modo diverso e non sanno perché sono stati scelti. Spiati da decine di telecamere e microfoni perfino in bagno, dovranno trovare un modo per sopravvivere. "Bunker Diary" è un incubo da vivere sulla propria pelle attraverso le pagine del diario di Linus, in un'escalation di umiliazioni, meccanismi perversi e violenza fisica e psicologica innescati "dall'uomo di sopra"...
5#
TITOLO:La ragazza della pioggia

AUTORE:Gabi Kreslehner

GENERE:Romanzo

CASA EDITRICE: Nord

PREZZO DI COPERTINA:15.90 euro

TRAMA:È notte fonda. L'autostrada è quasi deserta e la pioggia si accanisce impietosa sull'asfalto nero. Bohrmann è esausto, non vede l'ora di arrivare a casa. All'improvviso, sbucata dal nulla, davanti a lui appare una figura esile. L'impatto è inevitabile. Bohrmann inchioda, scende dall'auto e chiama l'ambulanza, però non c'è niente da fare. La ragazza è morta. Ma, come appurerà il medico legale, non per via dell'incidente: qualcuno l'ha colpita con violenza alla testa; qualcuno da cui lei stava scappando, senza sapere di essere già condannata. La detective Pranza Oberwieser si sente vecchia e stanca. Intrappolata in un matrimonio felice solo in apparenza, ha cercato conforto tra le braccia di un amante, aggiungendo alla solitudine anche il senso di colpa. Poi c'è Ben, il figlio cui ha sempre dedicato troppo poco tempo e che adesso, a vent'anni, le rivolge a stento la parola. Ed è proprio a Ben che Franza pensa di fronte al corpo senza vita di quella ragazza, che doveva avere più o meno la sua età. Mentre teme che questo nuovo caso la terrà ancora più impegnata del solito, allargando la distanza che la separa dalla famiglia, una svolta nelle indagini le fa crollare la terra sotto i piedi. Dalle prove rinvenute, sembrerebbe infatti che Ben conoscesse molto bene la vittima. Anche lui è implicato nell'omicidio? È per questo che ultimamente è così silenzioso? E come può una madre sospettare il figlio?

6#
TITOLO:Morsi di Ghiaccio

SERIE:L'accademia dei vampiri

AUTORE:Richelle Mead

GENERE:Urban Fantasy

CASA EDITRICE: Rizzoli

PREZZO DI COPERTINA:16.50 euro

TRAMA:L'ultimo anno all'Accademia dei Vampiri è tutt'altro che semplice per Rose Hathaway. Il problema principale è il suo cuore: Dimitri, suo tutor di cui è innamorata, ha messo gli occhi su un'altra ragazza. Poi, come se non bastasse, Rose deve fare i conti con la leggendaria Guardiana Janine, sua madre, che decide di tornare a scuola dopo una lunga assenza. E quando i terribili vampiri Strigoi attaccano in massa, la situazione precipita. Una vacanza sulla neve regala l'illusione di essere al sicuro, ma è proprio allora che Rose corre i rischi più gravi.

7#

TITOLO:The program

AUTORE:Suzanne Young

GENERE:Distopico

CASA EDITRICE:Deagostini

PREZZO DI COPERTINA:14.90 euro

TRAMA:Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l’epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi… Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L’unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo. 

8#
TITOLO:La collezionista di lettere

AUTORE:Jorge Dìaz

GENERE:Storico

CASA EDITRICE: Piemme

PREZZO DI COPERTINA:19.90 euro

TRAMA:1914. Mentre la I guerra mondiale minaccia di fare in pezzi l'Europa, il re di Spagna Alfonso XIII riceve una lettera che cambierà per sempre il corso della sua guerra. La lettera di una bambina francese, Sylvie, che gli chiede aiuto per ritrovare suo fratello disperso al fronte; lo chiede proprio a lui, l'unico re che ha deciso di non fare la guerra. Alfonso, che ha appunto scelto la via della neutralità, di fronte a quelle parole piene di speranza, scritte con la grafia incerta dell'infanzia, capisce che quando una guerra minaccia il tuo mondo, non puoi restare a guardare. Decide così di aiutare, all'insaputa del governo francese, la piccola Sylvie. Da quel momento, moltissime altre lettere cominceranno ad arrivare a corte - lettere di madri, figli, mogli. E il re sceglierà una donna - Bianca, la figlia ribelle dei marchesi di Alerces, determinata, emancipata, decisa - per mettere insieme un ufficio clandestino che li aiuti. Sotto la guida di Bianca, e dei suoi collaboratori, molte lettere troveranno risposta, molte vite si ricongiungeranno, e molti destini si compiranno. E la stessa Bianca troverà un amore che forse non sapeva di stare aspettando.

Fatemi sapere se avete letto questi libri e soprattutto se vi sono piaciuti.
Prossimamente pubblicherò il post nel quale vi farò vedere i dvd e i cd che mi sono stati regalati.

                                                                                                                                              MissDafne










giovedì 4 giugno 2015

RECENSIONE "BUNKER DIARY"

Salve amici ed amiche,
oggi vi recensirò un libro che ho ricevuto per il mio compleanno.

TITOLO:Bunker Diary

AUTORE: Kevin Brooks

GENERE: Thriller

CASA EDITRICE:Piemme

PREZZO DI COPERTINA:15 euro

TRAMA: Linus,sedici anni,insieme a quattro adulti e una ragazzina di nove,si trova intrappolato in un bunker,uno spazio claustrofobico da cui nessuno può fuggire.Sono stati rapiti da qualcuno che si è presentato loro ogni volta in modo diverso e non sanno perchè sono stati scelti.Spiati da decine di telecamere e microfoni perfino in bagno,dovranno trovare un modo per sopravvivere.Bunker Diary è un incubo da vivere sulla propria pelle attraverso le pagine del diario di Linus,in un'escalation di umiliazioni,meccanismi perversi e violenza fisica e psicologica innescati "dall'uomo di sopra".

                                            MIE CONSIDERAZIONI.

Appena ho visto questo libro ho pensato"deve essere mio"!E' stato semplicemente amore a prima vista.Sono una persona mooolto paranoica ma inspiegabilmente mi sento attratta da questo tipo di storie capaci di far "accapponare la pelle".Ho finito Bunker Diary in meno di tre ore e ne sono rimasta sconvolta.Come avrete capito,leggendo la trama, sei persone sono state rapite e chiuse in un bunker senza sapere perchè e come.La cosa più inquietante del libro,a parer mio,è il fatto che le motivazione "dell'uomo di sopra" sono del tutto ignote,e restano ignote fino alla fine del libro.La domanda che sorge spontanea è:"cosa spinge una persona o un gruppo di persone a compiere dei gesti così perversi e del tutto immotivati con lo scopo di infliggere tale dolore a dei propri simili?"E se non sai avere paura sono guai.La paura ha uno scopo.Ci tiene in vita".
L'ignoranza,la fragilità,la paura trasformano i protagonisti in animali,l'istinto di sopravvivenza prende il posto della ragione,tant'è che Linus e gli altri cominciano a dubitare del proprio essere."L'aspetto sporco e pallido,i passi pesanti,gli occhi stanchi...e il modo in cui camminavamo,con un entusiasmo privo di passione come quello dei prigionieri nel braccio della morte.Deboli,senza speranza"La cosa che ho trovato più interessante,nel libro è il fatto che l'autore descrivesse in modo meticoloso il modo nel quale i nostri protagonisti affrontavano la situazione:mette in luce l'egoismo di alcuni personaggi e l'altruismo e la bontà di Linus,rimasta inalterata nonostante la situazione."E' una bambina.E' troppo per lei.La lasci andare,la prego.Non le chiedo altro.La lasci andare.Pago io al posto suo,se è quello che lei ha deciso.Faccio quello che vuole.Mi dica e lo faccio.Però la lasci andare,la supplico"Parlando di Linus,devo dire di aver apprezzato il suo personaggio,un ragazzo coraggioso,che può aver tutto quello che vuole dalla vita,ma ha deciso di rinunciare per vivere per strada come un senzatetto.E' stato straziante vedere come cominciava piano piano a perdere la ragione e a diventare molto più debole...devo riconoscere che l'autore è stato veramente molto capace nel farci capire tutto ciò grazie al tipo di parole che
Linus utilizzava per comunicare attraverso il suo diario
.Questo libro mi ha fatto riflettere,mi ha fatto pensare a come avrei affrontato una situazione del genere,mi sono resa conto che alcune scelte sbagliate prese dai personaggi sarebbero state le stesse scelte che avrei compiuto io se mi fossi trovata al loro posto.Penso semplicemente che la paura,la violenza psicologica e lo stress mi avrebbero distrutto lentamente.Nessuno sarebbe riuscito a rimanere forte in una situazione del genere.A rendere il tutto ancora più inquietante è il fatto che,nel bunker,ci fossero telecamere ovunque (persino in bagno),come se una persona godesse nel vedere gli altri soffrire,spegnersi lentamente.Il forte realismo utilizzato dall'autore  ha reso possibile rivedermi in loro e immaginare di trovarmi al loro  posto .Ho trovato interessanti anche gli altri personaggi,chi per un motivo e chi per un altro,e anche i personaggi più odiosi,mi facevo pena,e mi spingevano a pregare e a sperare che tutta quella tortura finisse.La fine mi ha letteralmente stesa,non consiglio assolutamente questo libro ai deboli di cuore.XD A parte gli scherzi:se siete dei fans sfegatati di film come Saw o The Cube non posso far altro che consigliarvelo,altrimenti aspettate il periodo giusto per leggerlo,perchè è un libro sconvolgente,al quale non riuscirete di smettere di pensare per giorni.

E' questo ciò che i protagonisti ,ed in particolare Linus,si chiedono per tutto l'arco della storia

GIUDIZIO:Bellissimo.

martedì 2 giugno 2015

DA VEDERE! #SerieTv

Salve amici ed amiche,
mi scuso enormemente per non aver potuto aggiornare il blog ultimamente,ma la scuola non mi ha lasciato tregua...credo che molte di voi possano capirmi.
Oggi vi parlerò di 4 serie poco conosciute che appartengono a generi completamente diversi fra  loro.Così che voi possiate trovare una serie che rispecchi i vostri gusti.

#Youg Adult
TITOLO:My mad fat diary

PRODUTTORE:Matthew Bouch

STAGIONI:2

EPISODI: 14

TRAMA:  La serie è ambientata nel 1996 e si svolge a Stamford nel Lincolnshire. Protagonista è Rachel Earl detta Rae, una ragazzina obesa di 16 anni che ha da poco lasciato l'ospedale psichiatrico in cui era ricoverata da quattro mesi in seguito ad un tentativo di suicidio. Ritornata a casa, Rae dovrà riallacciare i rapporti con la sua amica d'infanzia Chloe, ignara di tutti i problemi di Rae, e cercare di socializzare con il gruppo di amici di Chloe.

CONSIDERAZIONI:Se devo essere sincera,all'inizio questa serie tv non mi convinceva affatto,pensavo fosse la solita storiella divertente che va tanto tra i teenager.Invece mi sono dovuta ricredere.Mi ha insegnato a non fermarmi alle apparenze e mi ha fatto riflettere molto sul tema dell'obesità.Questa serie tv mi è piaciuta veramente molto,è stato piacevole guardarla...inutile dirvi che ho finito tutte e due le stagioni in meno di tre giorni.

#Thriller
TITOLO:Les Revenants

PRODUTTORE:Fabrice Gobert

STAGIONI: 1

EPISODI:8

TRAMAIn un piccolo paese di montagna, alcune persone morte da qualche tempo, ritornano in vita: Camille, un'adolescente morta in un incidente d'autobus, Simon, un giovane morto il giorno del suo matrimonio, Louis alias Victor, un bambino che non parla e molti altri. I "ritornati" cercano di tornare alle proprie vite come se nulla fosse successo ma nel frattempo si verificano degli strani fenomeni: si interrompe spesso la corrente, si abbassa il livello dell'acqua della diga del paese, appaiono strane ferite sui corpi dei vivi e dei morti.
CONSIDERAZIONI:Dimenticatevi le ambientazioni alla Walking Dead,questi "ritornati" sono diversi dai soliti zombi che si vedono nei film,questi "non morti" sono dieci volte più inquietanti.Immaginate che una persona che avete perso ritorni un giorno,così dal nulla...cosa fareste?La felicità prenderebbe il posto dello sgomento?
Mi dispiace che questa serie tv sia poco conosciuta,perchè secondo me merita parecchio.

#Storico
TITOLO:The White Queen
PRODUTTORE:Philippa Gregory

STAGIONI:1

EPISODI:10

TRAMA:Le vicende narrate si svolgono a partire dal 1464, gli York e i Lancaster sono in guerra per il trono di Inghilterra. Elizabeth, vedova e con due figli da mantenere, si ritrova senza più alcun potere e possedimento quando gli York salgono al potere. Per permettere ai propri figli di seguire una vita dignitosa, affronta a muso duro il re Edoardo IV (Max Irons) che cade nella trappola e si innamora perdutamente della giovane protagonista. I due, infatti, si sposano segretamente nonostante il contrario parere di Lord Warwick, più interessato al potere che ai sentimenti del re. Ma Lord Warwick è in buona compagnia, anche Anne e Margaret faranno di tutto pur di allontanare Elizabeth dal trono.
CONSIDERAZIONI: Non so voi ma io amo letteralmente questo genere:tutti gli intrighi per salire sul trono,figli legittimi,illegittimi,relazioni pericolose.Se anche voi siete attirati da tutto questo"The white queen" è sicuramente la serie che fa per voi.Non fatevi frenare dal fatto che sia stata cancellata,l'unica stagione che ne è stata fatta merita molto.

#Commedia
TITOLO:Appunti di un giovane medico

PRODUTTORE:Clelia Mountford

STAGIONI:2

EPISODI:8

TRAMA:Una storia raccontata attraverso il blocco note sul quale il protagonista appunta le vicissitudini del provare a fare carriera e curare i pazienti di un paese che prova a modernizzarsi. Taglio realistico e nettamente umoristico, quello del racconto e del personaggio protagonista così come lo sviluppo della narrazione. Un'ironia che vive anche nella doppia anima del romanzo, rappresentata dai due protagonisti: il giovane e l'anziano, la vecchia e la nuova scuola. I tempi sono cambiati in medicina ed il medico più anziano guarda il suo sé stesso più giovane, con umorismo e pathos.
CONSIDERAZIONI:In realtà non sono sicura di poterla definire proprio una commedia,dato il taglio molto realistico.Se siete facilmente impressionabili ve la sconsiglio,ma se avete una passione per le serie tv che parlano di medici (come me) non potete non guardala.Già il fatto che il protagonista è Daniel Radcliffe dovrebbe convincervi  XD.

Fatemi sapere se avete visto queste serie tv e se vi piacciono.
Se c'è qualche telefilm che amata ma che non conosce nessuno,scrivetemelo nei commenti,sarà felice di guardarlo.

                                                                                                                                             MissDafne